HomeStorie di ImprenditoriRoBee, un'altra conquista della robotica italiana

RoBee, un’altra conquista della robotica italiana

on

|

views

and

comments

RoBee è un robot alto un metro e 70 centimetri. Entra in campo quando il lavoro umano si fa usurante e pericoloso. Già testato in aziende, nel 2022 verrà ulteriormente perfezionato e utilizzato. Il “padre” di RoBee è il fisico Fabio Puglia e la sua squadra capitanata dal manager Paolo Denti.

La società che ha “partorito” RoBee è Oversonic, valutata 14 milioni

Qui, estratti dell’intervista a Paolo Denti

Puglia lavora alla sua creatura dal 2018, ha iniziato in solitaria e ha creato poi una squadra di dieci collaboratori. Paolo Denti, un passato nel management di Benetton e Thun, ha intuito le potenzialità del prototipo e nel 2020, con Puglia, ha fondato la società Oversonic per implementare le operazioni già in corso. Ora Oversonic, che ha il quartier generale in Brianza, ha aperto una sede anche al Polo Meccatronica di Rovereto e conta 35 professionisti, destinati ad aumentare. Ne parliamo con Paolo Denti.

RoBee affianca l’uomo nell’industria e nella sanità. Cosa fa esattamente?
Per esempio, tutte le attività di movimentazione ripetitiva di oggetti pesanti. Entra in campo quando il lavoratore è sottoposto a un particolare stress fisico o ad alti livelli di rischio, come nel caso di esalazioni.

Però già esistono strumenti robotizzati per i reparti industriali più complessi.
Vero, ma vi sono delle falle. Pensiamo ai trattamenti chimici già demandati a strumenti robotizzati: la fase di carico e scarico dei processi produttivi è assolta da persone. Queste, dunque, continuano a essere esposte al pericolo di esalazioni. Prova ne è il fatto che periodicamente sono sottoposte a test per verificare lo stato di salute.

Qual è il target delle aziende con cui intendete collaborare?
RoBee è attivo, per esempio nella Sew-Eurodrive (tre miliardi di fatturato). A marzo inizieremo le prime vendite ad aziende in ambito meccanico con una vocazione per l’automazione e dove è presente una struttura digitalizzata. Puntiamo a imprese con un management pioniere nelle scelte, aperto alle novità. Introdurre prodotti rivoluzionari come questo richiede un cambio dei processi, una propensione all’innovazione.

L’Italia brilla nella robotica. Possibile che nei nostri centri d’eccellenza non sia stato forgiato un simil-RoBee?
La grande differenza sta nel fatto che stiamo uscendo dai centri di ricerca per portare il prodotto sul mercato. Lo facciamo senza la presunzione che sia il più sofisticato. Il nostro è un robot volutamente robot.

I numeri dell’investimento?
Premetto che la società è stata valutata 14 milioni. La prima fase di raccolta ha visto l’ingresso di angel investor privati con profilo internazionale e con un profondo contributo tecnologico e progettuale. Nella seconda fase è entrata Fintel, finanziaria della famiglia Bulgarelli, che ha preso il controllo del 33% della società, inserendo nel CdA Claudio e Rossana Bulgarelli. Fabio Puglia e io siamo soci di riferimento, e rispettivamente presidente e amministratore delegato.

Sia lei sia Puglia avete una lunga esperienza professionale negli Stati Uniti. Contemplate l’idea di uno sbarco di Oversonic all’estero?
Siamo voluti rimanere qui nonostante i molti suggerimenti di spostarci altrove per velocizzare la raccolta fondi. In Italia ci sono tutti i presupposti per fare bene, è un Paese che brilla per competenze di settore e, in particolare, in materia di meccatronica. Sono proprio le nostre esperienze internazionali ad averci persuaso a restare in Italia. Speriamo solo che non prenda il sopravvento l’individualismo all’italiana, perché questo è il tipico progetto che richiede la cooperazione di più realtà. In breve: un ecosistema.

Anna Franini
Anna Franini, giornalista di Forbes e il Giornale. Scrive storie di Leadership, Imprenditoria, Innovazione. Intervista fondatori di aziende miliardarie, Premi Nobel, Breakthrough, Academy Awards, Pulitzer, Pritzker.
Condividi il post
Tags

Da non Perdere

Un mondo più smart

Analytics Numbers   Da luglio cambiano le regole in materia di smart working, una modalità di lavoro che per taluni è stata una novità, per...

Bolzano, vette di ricchezza

Distretti d'Italia. Puntata n.2 Un’economia scolpita nella roccia. Sbocciata fra cime monumentali, o meglio: proprio in virtù di quelle guglie e pinnacoli che hanno nome...

Dinosauri milionari

Cifre da capogiro per i reperti fossili, un mercato dal successo senza precedenti. E ben lo sa Flavio Bacchia, il fondatore dell'azienda Zoic Il mercato...

Articoli Recenti

Post Simili

error: